Dopo il lancio della newco per le calzature, presentata all’ultima edizione di Pitti immagine uomo (vedere MFF dell’11 gennaio), Woolrich si prepara a potenziare la pelletteria, considerato il terzo business strategico per redditività insieme all’outerwear, storicamente presidiato dal brand controllato da Wp lavori in corso, e al mondo footwear. La società con base a Bologna, protagonista a novembre dell’acquisizione del marchio noto per l’Arctic parka con la costituzione di Woolrich International ltd, sta infatti sviluppando una bag collection con la stilista giapponese Chi Haru, fondatrice di Bagsinprogress, i cui primi risultati saranno esposti nell’apertura del flagship store di Milano prevista entro fine anno.

L’obiettivo è definire una collezione completa d’impronta funzionale e americana da lanciare per la stagione invernale 2017/18 e destinata non solo ai monomarca, che già propongono linee di pelletteria, ma anche al canale wholesale. Importanti novità stilistiche sono intanto annunciate da Woolrich per la primavera-estate 2018 presentata oggi a Firenze. «Ci concentreremo sulla summer, avendo già chiuso le vendite della spring season», ha spiegato a MFF il direttore artistico Andrea Canè, «ponendo l’accento su aspetti quali la traspirabilità e la tenuta all’acqua e al vento. Quel che si vedrà in fiera è uno spostamento del brand dall’ambito strettamente formale alla contemporaneità, in linea con l’approccio delle nuove generazioni al mondo fashion. È giunto il tempo di svecchiare i contenuti».

Prosegue intanto il trend di crescita di Woolrich international, che ha chiuso il 2016 con un fatturato di circa 190 milioni di dollari (circa 170 milioni di euro al cambio di ieri) e prevede ulteriori progressi per l’anno in corso sotto la spinta del retail, con un piano di nove aperture entro dicembre tra cui Toronto all’interno del Yorkdale mall, Düsseldorf e il flagship di Milano. Quest’ultimo, nelle intenzioni di Canè, dovrebbe rivoluzionare la shopping experience attraverso innovazioni tecnologiche e livelli di servizi alla clientela tali da soddisfare quelle esigenze irrealizzabili tramite web.

(fonte Milano Finanza)